L'”Euanghelion” alla luce dell’asse retorico dell’opera letteraria.

2. TEORIA DELLA COMUNICAZIONE TESTUALE

Secondo il modello di Hernadi[1] il mondo del testo passa dall’autore al lettore attraverso l’opera secondo un duplice asse, rappresentativo e retorico. Nell’asse rappresentativo l’opera viene considerata  comunicazione di un “che cosa”, di un contenuto determinato, che rappresenta, imita la realtà. Nell’asse retorico l’opera viene considerata alla luce del per chi e per che cosa essa viene scritta, ossia quali effetti essa vuole produrre sul lettore.

I vari metodi esegetici assegnano una maggiore rilevanza ora all’uno ora all’altra delle due modalità. Il metodo storico – critico si pone sull’asse della rappresentazione perché vede il testo come una finestra per comprendere la realtà storica e sociale che lo ha generato. Il metodo strutturalista (vedremo più avanti un esempio) vede il testo come un tessuto che rappresenta una struttura interna e il fine del metodo è evidenziare tale struttura e far emergere i contenuti che essa veicola.

Chi cerca invece di applicare l’analisi retorica (greca) ai testi biblici si interroga maggiormente sull’intento comunicativo del testo e su quali effetti esso voglia generare nel lettore che ha davanti. Ad esempio nella lettera ai Romani i primi versetti sull’ira di Dio nei confronti del peccato dei pagani (cfr. Rm 1, 18 – 31) sembra contrastare con la conclusione di questa ampia trattazione di Paolo, che afferma la gratuita giustificazione di Dio per mezzo della grazia (cfr. Rm 3, 21 – 22). Il problema si risolve tenendo conto della tecnica retorica di Paolo, che inizia l’argomentazione con una concezione retributiva della giustizia di Dio nei confronti delle nazioni, che è propria dei suoi destinatari, così da conquistare il loro assenso. L’obiettivo è però portarli a riconoscere che la medesima ira è rivolta verso di loro e che non c’è nessuna eccezione giudaica a riguardo del peccato., perché la legge non giustifica ma fornisce solo la conoscenza del peccato (cfr. Rm 3, 19 – 20). La giustificazione di Dio allora non potrà che essere gratuita ed universale ( Rm 3, 21 – 26).

Infine il metodo narrativo, come approfondiremo più avanti, si pone l’obiettivo esplicito di comprendere le scelte del narratore ai fini dell’effetto che egli vuole generare sul lettore.

Da un punto di vista ermeneutico l’interpretazione del testo è corretta quando si studia approfonditamente il contenuto che il testo vuole comunicare, alla luce dell’intenzione comunicativa. Quindi l’ideale è di percorrere un’integrazione sapiente dei metodi, anche in funzione delle caratteristiche del testo considerato.

2. 1 ASSE RETORICO: ORIGINE DEL GENERE LETTERARIO “VANGELO”

I vangeli sono stati scritti con un fondamentale intento retorico, ossia per comunicare la fede in Gesù il messia crocifisso e risorto, che compie le Scritture, quale figlio di Dio e Signore (cfr. At 26, 22 – 23; 1 Cor 15, 1 – 3).

Lo stesso termine euanghelion  ha nella LXX, la traduzione greca dell’AT, il significato di una comunicazione che produce gioia e quindi ottiene una ricompensa per l’annunciatore, (cfr. 2 Sam 4, 10). La radice verbale euangelizō viene usata anche con degli accusativi, per indicare un annuncio che porta con se un effetto e una ricompensa reale (cfr. Sal 39, 10 LXX; 95, 2 LXX). Questo diventa particolarmente evidente nel secondo Isaia (cfr. Is 40, 9; 52, 7; 60, 6; 61, 1) dove l’annunciatore rende presente Dio a Sion nell’atto stesso del suo annuncio; la gioia, la pace e la ricchezza delle nazioni accompagnano tale annuncio come ricompensa.

È molto probabile che Paolo abbia attinto a questa tradizione quando per primo ha coniato il termine euanghelion per riferirlo alla comunicazione della fede in Gesù il messia morto e risorto (cfr. 1 Cor 15, 1 – 3). L’apostolo, giocando sulla doppia valenza del nome come azione e ricompensa, dichiara di non avere bisogno di ricompense a parte per il suo annuncio, infatti il vangelo stesso è apportatore della sua ricompensa (cfr. 1 Cor 9, 18). Il Vangelo stesso non è semplice annuncio orale ma, è anche ricompensa interiore ed esteriore, ossia giustizia e potenza di Dio che opera per la salvezza (Rm 1, 16 – 17). Esso non si distingue dalla salvezza che annuncia, attraverso segni e prodigi (Rm 15, 19) che avvengono per la forza dello Spirito per condurre i popoli all’obbedienza.

Non è quindi impossibile che Marco[2] usi il termine con questa accezione nell’incipit del suo racconto, ossia: “Inizio del vangelo di Gesù Cristo, figlio di Dio” (cfr. anche Mc 1, 14). La comunicazione della fede comporta trasmissione di un contenuto, Gesù Cristo figlio di Dio, e insieme trasformazione del cuore di chi riceve tale annuncio per il dono della fede e l’autore del Vangelo intende proprio comunicare questa fede per mezzo della lettura del suo libro.

Questo non significa che il termine euanghelion per Marco indichi immediatamente la globalità del suo libro[3], ma solo che tale libro contiene l’annuncio di Gesù, il messia morto e risorto secondo le Scritture per generare alla fede i suoi lettori. In epoca posteriore il termine è stato applicato ai racconti come tali, che sono stati definiti Vangeli ed è ai padri che dobbiamo la celebre etimologia di Vangelo come buon annuncio (eu=buon; anghellō=annunciare).

Ci si può allora chiedere la motivazione storica dell’origine di un genere letterario, più tardi denominato “vangelo” che contenesse in forma narrativa l’annuncio di Gesù, messia morto e risorto secondo le Scritture. È molto probabile che, al momento in cui la generazione apostolica, che aveva conosciuto personalmente Gesù, stava scomparendo, le diverse Chiese locali abbiamo avvertito la necessità di fissare per iscritto la loro predicazione, perché essa potesse rimanere come testimonianza unica e preziosa della tradizione apostolica.


[1] Fowler, let the reader understand

[2] Tale lessema ricorre 4 volte in Matteo, 8 volte in Marco e mai in Luca.

[3] Soltanto con la Didaké («Correggetevi l’un l’altro… come leggete nel  vangelo», XV,3) e con la Lettera dello Pseudo-Clemente («Dice il Signore nel vangelo», VIII,5) il termine indica il libro. Il primo a usare il termine al plurale (i vangeli) è Giustino Martire (Apologia I,66,3).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...