Lettura e preghiera Mt 13, 44 – 52 (XVII TO Anno A)

 

Mt 13, 44 – 52

Lettura

Le immagini del tesoro e della perla preziosa fanno parte del repertorio con cui nell’AT si descrive la sapienza, dono proveniente da Dio:

Pr 2, 4: “se appunto invocherai l’intelligenza
e rivolgerai la tua voce alla prudenza,

se la ricercherai come l’argento
e per averla scaverai come per i tesori,
allora comprenderai il timore del Signore
e troverai la conoscenza di Dio.”

(Cfr anche  3, 14-15; 8, 18-19. 21)

Nella prima parabola l’accento cade sul tesoro nascosto, a cui è paragonato il Regno di Dio. Si tratta di un colpo di fortuna che capita ad un uomo, che ha tutte le caratteristiche di un dono improvviso ed inaspettato. Nella seconda parabola il regno di Dio è paragonato ad un mercante. L’accento cade qui più sulla ricerca che sul dono e più sulla conoscenza frutto di esperienza che sul colpo di fortuna. 

In entrambi i casi tuttavia l’apprezzamento del valore conduce ad una scelta decisiva e radicale: quella di vendere tutto. È la scelta che i discepoli hanno fatto per seguire Gesù fin dal primo momento in cui sono stati da lui chiamati (cfr. Mt 4, 20. 22; 8, 22; 9, 9. 19, 21.27-29).

La terza parabola ha per contenuto la missione dei discepoli di raggiungere ogni uomo, senza distinzioni di razza, lingua o cultura. La metafora della rete riprende quella dei pescatori, usata da Gesù per chiamare Pietro e Andrea (cfr. 4, 19). Compito della Chiesa che lavora per il Regno di Dio è anzitutto evangelizzare e non giudicare. Il discepolo di Gesù non è dunque un semplice interprete o esecutore della legge, ma un evangelizzatore chiamato a lasciare a Dio e ai suoi angeli il compito della separazione, alla fine dei tempi. Egli infatti non segue semplicemente la legge, ma la interpreta alla luce della sapienza incarnata che è Gesù. Egli è uno scriba, chiamato a fare di Gesù la chiave ermeneutica delle Scritture, nell’unità tra legge e Vangelo, Antico e Nuovo Testamento.

Suggerimenti di preghiera

Mi dispongo con il corpo nel modo in cui mi sento più a mio agio nella preghiera.

Leggo il testo di Mt 13, 44 – 52.

Chiedo al Signore Gesù il dono di una conoscenza interiore di lui, mio maestro, perchè possa amarlo e seguirlo sempre più.

Osservo i personaggi. Sono con i discepoli, mentre il Signore racconta la parabola del tesoro nascosto e del mercante in cerca della perla preziosa. Queste parabole sono il racconto della mia esperienza con lui. Quando l’ho trovato e conosciuto, ho venduto tutto, con gioia.

La rete gettata in mare raccoglie ogni genere di pesci. Sono affascinato e coinvolto interiormente da questa descrizione del Regno e della Chiesa?

Concludo con un Padre nostro.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...