Lezione 1 e 2

Parola di Dio in parole umane

Scrittura e scritture

 

Esercizio:

Confronta Is 7, 14 e Mt 1, 23 e rispondi a queste domande.

-C’è qualche diversità tra il testo di Is 7, 14 e la citazione di Mt 1, 23?

-L’intenzione “probabile” dell’autore di Isaia è identica all’interpretazione che fornisce l’evangelista Matteo? Quali punti di contatto? Quali punti di discontinuità?

– Come possiamo definire il “rapporto” tra questi due testi?

6 Comments

  1. Isaia 7:14
    Perciò il Signore stesso vi darà un segno:
    Ecco, la giovane concepirà, partorirà un figlio,
    e lo chiamerà Emmanuele.

    Matteo 1:23
    Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio
    che sarà chiamato Emmanuele,
    che significa Dio con noi.

    Sicuramente il punto in comune e chiave delle due parabole e la parola “EMMANUELE” in Isaia non viene citato, ma il significato naturale e medesimo che troviamo nella parola di Matteo “DIO CON NOI”.

    Per quanto riguarda una NON connessione tra i due testi e che in Isaia, Maria viene chiamata “giovane” in Matteo, “vergine”;ma ci può far luce il verbo “Segno”;dove in Matteo non viene scritto ma grazie a questo “sigillo” Dio e davvero con noi!!

    Il rapporto tra i due testi??Signore sia fatta la tua volontà!!un SI INCONDIZIONATO A DIO!! PARTENDO DAL CUORE FINO AD ARRIVARE AL GREMBO DI MARIA!!!

  2. 1-C’è qualche diversità tra il testo di Is 7, 14 e la citazione di Mt 1, 23?
    2-L’intenzione “probabile” dell’autore di Isaia è identica all’interpretazione che fornisce l’evangelista Matteo? Quali punti di contatto? Quali punti di discontinuità?
    3- Come possiamo definire il “rapporto” tra questi due testi?
    1-Guardando un po’ qua e un po’ la tra varie stesure, la prima differenza che salta subito agli occhi è che i versetti sono scritti in lingue diverse: l’ebraico per Isaia e il greco per Matteo. Non avendo conoscenze di queste lingue antiche ho spulciato poi le note e alcune traduzioni.

    2-Per quello che riguarda l’ “intenzione “ dell’autore, nel versetto di Isaia, Isaia sta profetizzando e come tutte le profezie non sempre sono chiare! il riferimento è la nascita di un bambino da “una giovane donna” dice il testo ebraico. Che è “vergine” o che sia più giusta la traduzione “vergine”, lo ricaviamo dall’interpretazione che dà il traduttore greco. Il bambino che dovrà nascere sarà un discendente di Acaz, re di Giuda in quel momento storico, infatti alcune traduzioni non danno: “che chiamerà Emmanuele” in riferimento alla vergine, ma che “tu (sottointeso Acaz) gli metterai nome Emmanuele”. Il bambino potrebbe essere( se consideriamo solo i versetti 7,10-17) Ezechia il figlio di Acaz re giusto ricordato anche nella genealogia di Matteo Mt.1,9-10 come avo di Gesù), se però allarghiamo l’orizzonte della nostra indagine e leggiamo tutto il libro del profeta Isaia è chiaro che il Bambino che dovrà nascere è molto di più del re Ezechia.

    3-Il “rapporto” che c’è tra i due versetti è di “subordinazione” (non so se il termine è corretto) cioè il versetto di Matteo è un’interpretazione che la tradizione giudaica-greca dà al versetto di Isaia.

    Giuseppe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...