Il sabato della vita (Omelia IV TO Anno B)

 

 

Di sabato Gesù entra in sinagoga con i suoi discepoli e insegna. Cosa insegnava? Gesù non è un professore e il suo non è un insegnamento dottrinale, come quello degli scribi del tempo.  La parola di Gesù è autorevole perché è capace di intercettare la vita di chi l’ascolta e di muoverla alla conversione.

Il sabato infatti è il giorno della vita. Esso commemora la fine della creazione in 7 giorni e insieme anche la liberazione del popolo di Israele dalla schiavitù in Egitto. Creazione e liberazione, la vita che nasce e che rinasce dopo aver affrontato il rischio della morte.  Questa è l’autorità di Gesù, creare e liberare l’uomo donandogli la vita.

Di fronte a questo così singolare insegnamento, c’è chi si sente tormentato, perché questa parola mette a nudo le sue ferite. È il caso dell’indemoniato, che è un uomo diviso in se stesso, tra le regole della vita quotidiana e la sua felicità costantemente ricercata altrove, senza trovarla. È un uomo che pensa di aver sbagliato nella vita, che desidera essere da un’altra parte ma non può, un uomo ripiegato su se stesso, sui propri pensieri irrealizzabili e le proprie frustrazioni, un uomo apparentemente senza via d’uscita. Quest’uomo è tormentato da Gesù, perché nella sua frustrazione e nel suo lamento aveva trovato tutto sommato un equilibrio…ora Gesù fa riemergere una ferita profonda, che sembrava dimenticata, e mette alla luce il compromesso

“Taci, esci da costui”: la parola del Signore fa ritrovare se stesso all’uomo diviso, indemoniato. Gli fa scoprire la parte più vera e più profonda e lo consola dentro alla quotidianità dei suoi impegni.  Gesù gli dona una vita nuova che risana la vita ferita. L’autorità di Gesù restituisce l’uomo a se stesso, alla sua felicità più autentica, alla vita. Tre punti importanti di questa autorità di Gesù.

  1. Ci dona la fedeltà a noi stessi. Anche nella nostra vita ci sono pensieri che ci portano altrove. Di fronte alla difficoltà della vita, lavoro, bambini casa esami, interrogazioni ecc… tanti pensieri si affollano con mille agitazioni. Quando accade tutto questo è importante rimane fermi e tranquilli e ripetersi la parola di Gesù: “Taci, esci da costui”. È una parola autorevole che ha effetto anche in noi, ci libera dal male e ci dona la fedeltà.
  2. Ci dona il rispetto di noi stessi. Ci sono vere e proprie fughe dalla realtà della vita, attraverso le dipendenze. Quanti giovani prendono la strada della dipendenza: droga, alcool…ma anche la dipendenza informatica e dal gioco, la dipendenza dal cellulare e dalla televisione. La dipendenza da affetti e persone che ci allontanano dalla nostra famiglia e dai nostri impegni. Tutte queste cose ci isolano e ci dividono tra una parte di noi che vorrebbe smettere e un’altra che non ce la fa. La parola di Gesù interviene anche qui a vincere dipendenze e a donarci il rispetto di noi stessi. Proposta: un messaggio in meno su Facebook e una conversazione in più con chi ti trovi concretamente al fianco.
  3. Ci dona la cura per la vita di ogni uomo, dalla vita dell’embrione che nasce e a quella dell’anziano che muore, passando attraverso quella del giovane lavoratore sfruttato. Oggi che celebriamo la giornata della vita penso particolarmente alle donne, che sono così vicine al mistero della vita, e purtroppo così spesso umiliate. Donne che vivono il trauma dell’aborto perché pensano di non avere altra soluzione, donne che subiscono violenza, donne che si prostituiscono per pagare la scuola… La nostra società ha bisogno di recuperare la cura per la donna e per il mistero della vita che essa custodisce.

Che il nostro impegno quotidiano, il nostro lavoro sia concretamente un prendersi cura della vita dell’altro, specialmente del più piccolo e privo di risorse!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...