La mappa stellare della Parola

 

Per orientarsi nel deserto o in località sconosciute noi guardiamo google map, ma gli antichi avevano la mappa stellare. Conoscevano le costellazioni e sapevano perfettamente individuare la stella polare, che li orientava a nord.

Così i magi si sono orientati verso Gesù seguendo il percorso di una stella, lungo il viaggio della loro sapienza. A un certo punto però, quando sono arrivati a Gerusalemme la stella è scomparsa. Chi gli doveva dare l’informazione ulteriore, in questa misteriosa caccia al tesoro? Doveva essere il Re di Israele, colui che ogni giorno medita la Parola di Dio e ne fa il cuore della sua esistenza e del suo discernimento, secondo il libro del Deuteronomio:

«18Quando si insedierà sul trono regale, scriverà per suo uso in un libro una copia di questa legge, secondo l’esemplare dei sacerdoti leviti. 19Essa sarà con lui ed egli la leggerà tutti i giorni della sua vita, per imparare a temere il Signore, suo Dio, e a osservare tutte le parole di questa legge e di questi statuti, 20affinché il suo cuore non si insuperbisca verso i suoi fratelli ed egli non si allontani da questi comandi, né a destra né a sinistra, e prolunghi così i giorni del suo regno, lui e i suoi figli, in mezzo a Israele.»

Cosa fa Erode? Consulta certo la parola di Dio, ma non lo fa lui stesso, lo lascia fare agli scribi e ai capi dei sacerdoti. Lui non si coinvolge personalmente, non si mette in ascolto con tutto il suo cuore, per osservare la Parola e farne la mappa del suo interiore discernimento.  Certo, la risposta da parte dei saggi non si fa attendere. È quella del profeta Michea, che qualche secolo prima aveva preannunziato il messia figlio di Davide, di Betlemme di Giudea: “E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero l’ultima delle città principali di Giuda: da te infatti uscirà un capo che sarà il pastore del mio popolo, Israele”». Per Erode questa non è una Parola a cui prestare ascolto, ma solo un’informazione da tenere a proprio vantaggio. Non è guidato dal desiderio di conoscere e realizzare la volontà di Dio ma dalla paura che questa volontà possa entrare in collisione con i suoi progetti. La paura di perdere ciò che crede di aver costruito finora, la paura che Dio non sia tanto un alleato, quanto un potente avversario con cui bisogna fare i conti, entrare a patti…e magari ingannarlo.

Opposto è l’itinerario dei Magi. Essi all’inizio non conoscono la Parola di Dio ma vi arrivano con il loro desiderio, la loro stella. Essi non pretendono di conoscere già tutto, ma la loro sapienza è l’apertura di cuore, che gli permette di oltrepassare i confini, iniziare un viaggio nuovo nella direzione in cui Dio vuole, seguendo la stella, cioè i loro desideri più profondi e più veri.  La stella li conduce a Gerusalemme, il luogo dell’ascolto della Parola. La Parola li riporta poi sul luogo dove si trova la stella, a Betlemme. Questo significa che la stella del loro desiderio li conduce ad ascoltare la Parola e la Parola a sua volta li porta a compiere nella vita quei desideri, rivedendo la stella nel luogo dove si trova il bambino. Ed essi provano una gioia grandissima: la gioia di chi sta compiendo il proprio itinerario e, dopo molti sentieri, è giunto in profondità dentro sé stesso.

Non ci sono alternative: o scegliamo l’itinerario dei Magi o cadiamo in quello di Erode. O ci orientiamo con sapienza verso Dio, sapendo che Lui è il migliore alleato della nostra felicità, e penetriamo sempre più profondamente dentro noi stessi con la mappa della Parola, oppure ci lasciamo trasportare dalle nostre tristi ed egoistiche paure. Il percorso più semplice per percorrere l’itinerario dei Magi è leggere ogni giorno la parola, personalmente. Può anche essere il Vangelo del giorno! Essa diventa vita e ci guida alla scoperta di noi stessi. Diventa la mappa stellare della nostra coscienza, perché il nostro cuore sia riempito il volto luminoso di Cristo.

 

 

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...