Lettura popolare VIII TO Anno A (Mt 6,25-34)

 lettura-popolare-viii-to-anno-a

Mt 6,25-34

La provvidenza

Il messaggio nel contesto

 

Questo passo del discorso della montagna non è un invito a non lavorare, ma è una forte accusa nei confronti dell’ansia di chi si preoccupa di ogni cosa, tutto preso dal controllo dei dettagli della propria esistenza. Il paragone con gli uccelli del cielo e con i gigli del campo, che non lavorano, è efficace perché offre una testimonianza dell’interesse di Dio, come Padre, nei confronti di tutta la creazione (v. 26.28). Se è Padre nei confronti degli uccelli e dei gigli, lo è a maggior ragione nei confronti degli uomini, anche di quelli che fanno fatica a trovare il lavoro, ad arare, seminare o filare.

Dunque l’uomo deve sforzarsi non verso i dettagli dell’esistenza, che lo disperdono in mille rivoli, ma verso il Regno di Dio e la sua giustizia. Il Padre, che sa ciò di cui abbiamo bisogno prima che glielo chiediamo (6,8), ci chiede di agire concretamente secondo la sua giustizia, che in definitiva è il suo disegno d’amore nei nostri confronti (5,20.38-48).

Proprio dentro a tale ricerca quotidiana della volontà di Dio e del suo amore, emerge il di più aggiunto da Dio. Se l’uomo non può aggiungere neanche poco tempo alla sua vita, Dio invece può aggiungere ogni bene alla vita e all’amore dell’uomo (v. 30.33).

Al cuore di questo passo evangelico si trova l’interrogazione rivolta ai discepoli, che termina con un appellativo forte. “Non farà assai più per voi, gente di poca fede?” (v. 30).

Questa esortazione deve dunque essere riletta da tutti i cristiani, e non solo da chi ha fatto voto di povertà, come un richiamo pressante alla fede, che fa poggiare le nostre sicurezze non sui beni che assicurano il domani (cfr. v. 34) ma sulla roccia del Padre, tramite un agire conforme alla sua giustizia (v. 34 cf. 7,24). Così i discepoli di Gesù possono gustare il loro oggi, senza lasciarsi rovinare dall’ansia per il domani (v. 34). In una società dominata dall’ansia per la crisi economica e dalla pressante preoccupazione per il futuro e per le guerre, il cristiano sa essere saldo e forte, grazie ad una speranza che non scaturisce dai beni o da una solidità esteriore, ma da un centro interiore che sempre lo alimenta.

 

Per la lectio divina

  • Invoco lo Spirito Santo (con un canto o con la Sequenza)
  • Leggo il brano del Vangelo, almeno due volte con attenzione: Mt 6,25-34.
  • Cerco di comprendere maggiormente il significato del testo, con l’aiuto del breve commento precedente.
  • Prego, rileggendo la mia vita alla luce della Parola appena compresa.
  • Dialogo con Gesù e con il Padre, lasciandomi trasportare, nel chiedere, nel ringraziare, nel lodare, nel contemplare, a seconda di ciò che sento.

 

Per la lettura popolare

 

Collocazione spaziale: è bene curare particolarmente la collocazione spaziale dei partecipanti all’incontro. È opportuno scegliere configurazioni geometriche che favoriscano la percezione dei partecipanti di trovarsi coinvolti allo stesso livello e senza distinzioni gerarchiche con gli accompagnatori (meglio un cerchio di sedie che un tavolo “da relatore” con le file di sedie davanti)

 

durata: 1h (tutte le indicazioni temporali sono puramente indicative dei rapporti che dovrebbero stabilirsi tra le fasi dell’incontro, ma non sono da prendere alla lettera)

 

  1. Ricordiamo la vita.  (15 minuti)

 

 

Questa domanda ha l’obiettivo di coinvolgere i partecipanti al gruppo di preghiera a partire dalla loro vita. Deve essere posta in modo molto informale e quasi naturale, come se l’incontro non fosse ancora iniziato realmente. L’accompagnatore sa invece che con questa domanda i partecipanti iniziano a condividere le loro esperienze dentro al contesto interpretativo del racconto evangelico.

 

  1. Leggere con attenzione il brano del Vangelo (almeno due volte) e soffermarsi su una parola che colpisce: Mt 6,25-34 (10 minuti)

 

La lettura può essere condivisa, un versetto a testa, perchè il tesoro della parola sia concretamente partecipato da tutti, allo stesso livello. Poi si danno cinque minuti per scegliere una parola che colpisce l’attenzione e la curiosità di ciascuna persona e per condividerla, uno dopo l’altro.

 

 

  1. Iniziare un dialogo un pò più approfondito a partire dalla lettura (30 min)

Partendo dalla condivisione della parola si può invitare qualcuno, che sembra un pò più estroverso e a suo agio nel gruppo, ad esplicitare il “perchè”  ha scelto quella parola. A questo punto si aiutano anche gli altri, ponendo delle domande, a condividere le loro impressioni e valutazioni.

Alcune domande possono essere poste, senza pretendere di seguire un ordine logico preciso, ma seguendo le intuizioni condivise dai partecipanti.

Può essere utile partire da domande riguardanti luoghi, personaggi, verbi. Si tratta non solo di aiutarli a comprendere il testo, ma anche a condividere la loro vita, identificandosi nei personaggi.

Ecco uno schema possibile di domande:

 

  • Qual è il contesto spazio-temporale del racconto

– Gesù parla dal monte ai discepoli e si rivolge con il “voi”, ai discepoli stessi, per indicare le esigenze della sua Legge.

 

Qualche domanda

non preoccupatevi: l’ansia fa parte della nostra vita, ma il Signore ci accompagna e protegge. Come sperimento la sua provvidenza?

-il Padre vostro celeste li nutre: come e di che cosa il Signore mi nutre? Mi lascio nutrire da lui?

-non farà di più per voi, gente di poca fede? dove colloco il di più di Dio per me?

Cercate il Regno di Dio e la sua giustizia, e il resto vi sarà dato in sovrabbondanza. Cosa ricerco ogni giorno?

 

  1. Condivisione della vita nella preghiera (5/10 min). L’ultimo passo, dopo la condivisione della vita, è invitare ad una breve preghiera, magari formulata inizialmente dall’accompagnatore. Qualche minuto di silenzio può aiutare a far risuonare la vita e la Parola condivise e raccogliere alcuni elementi che possono essere stimoli per una preghiera. Il partecipante che non intende pregare sentirà comunque che la propria condivisione è stata ascoltata e che la sua vita è stata messa davanti a Dio nella preghiera di altre persone.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...