I due alberi (Omelia Pentecoste)

Giovani e Lavoro_3

La bontà di un albero si vede dai frutti.  Un albero può essere bellissimo, ma se i frutti sono immangiabili o addirittura nocivi…non serve coltivarlo. Un albero può essere piccolo e poco appariscente, come la vite, ma fare frutti buonissimi.

Così ci sono due alberi che possono crescere nel nostro cuore, l’albero della carne e l’albero dello spirito, come dice san Paolo.

L’albero della carne è quello dell’IO che si mette davanti a tutto e a tutti, la propria autorealizzazione contro gli altri. È quello che diceva Sartre, il drammaturgo francese: l’inferno è l’altro. I frutti dell’albero della carne sono le passioni che ci muovono non ad amare, ma a dominare gli altri e ad essere gelosi, invidiosi, arrabbiati.

L’albero dello spirito è quello che nasce, cresce e fruttifica con il dono dello Spirito Santo: i suoi frutti sono l’autorealizzazione nell’amore, che ci apre all’Altro e agli altri. Esso produce frutti di amore. Infatti nel vangelo di Giovanni lo Spirito che Gesù ci manda è il Paraclito, che, tradotto, significa “colui che è chiamato a stare presso di noi”, per condurci alla verità tutta intera, ossia la verità di Gesù, Figlio di Dio, morto e risorto per noi e del Padre che lo ha mandato nel mondo per amore nostro.

Non è una verità astratta, ma una trasformazione profonda del nostro essere, che si manifesta attraverso la consolazione. Essa è accompagnata da sentimenti di pace e gioia, ma non si riduce ad essi, perché, più ampiamente, è caratterizzata da un aumento di fede, speranza e carità. Questa elevazione e potenziamento del nostro essere ha un impatto decisivo nella nostra esistenza, perché ci conduce alla verità della nostra vita, nelle concrete decisioni quotidiane, che ci portano ad attuare la volontà di Dio e a realizzarci in Cristo.

Lo Spirito Santo, che celebriamo a Pentecoste, rafforza e sostiene la nostra responsabilità vissuta nell’amore, nei confronti dei propri cari e di ogni uomo che incontriamo…specialmente dei piccoli e degli anziani. Se l’albero della carne ha fatto nascere una società individualistica, con una grande disgregazione della famiglia a cui oggi assistiamo, chi paga le conseguenze di tutto questo sono i più piccoli, che crescono spesso con deboli riferimenti valoriali e affettivi, perennemente distratti dai continui stimoli della civiltà dell’immagine e poi diventano adolescenti disturbati e insicuri. Lo Spirito Santo può sostenere la comunità cristiana nella quotidiana lotta delle famiglie e per le famiglie. Seguiamolo come Chiesa lì dove ci sta chiamando, a sostenere le famiglie, specialmente quelle giovani!

Lo Spirito Santo rafforza e sostiene anche la responsabilità nelle grandi decisioni, che rimuovono gli ostacoli alla piena realizzazione della persona. Preghiamo perché chi da cristiano ha responsabilità politiche, lo faccia con grande dedizione rispetto ai nodi cruciali del nostro tempo, uno dei quali è certamente il lavoro per i giovani.  Un lavoro che, pur non essendo così statico e fisso come una volta, garantisca tuttavia quella stabilità che permetta ai giovani di sostenere un progetto familiare nella loro vita. E insieme alla stabilità si richiede anche sicurezza sul lavoro, in un tempo in cui, malgrado le leggi e il lungo cammino fatto dalla società occidentale, si assiste purtroppo ad un aumento di morti e tragedie sul lavoro.

Così l’albero dello Spirito, cresciuto nel cuore di ognuno, darà frutti buoni e abbondanti anche nella società.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...