Riscattare il tempo

 

Gesù è l’unico cibo che non riempie per poco tempo, ma sazia per sempre.

Egli dona l’unico vino che non da assuefazione, ma dona un’ebbrezza quanto mai sobria.

Egli apre l’uomo alla vita che proviene dal Padre e riscatta il tempo dalle schiavitù.

Cellulare e televisione hanno ormai riempito il nostro tempo. In particolare quando accadono fatti molto gravi di cronaca o di politica siamo sempre bersagliati da notizie, aggiornamenti, dichiarazioni. Si perde quasi di vista la realtà dei fatti, perché l’informazione diventa intrattenimento e finisce per solleticare le corde più basse dei nostri istinti, la curiosità morbosa, la rabbia, quando non addirittura l’odio e questi sentimenti alimentano la fruizione dei contenuti, in cui circolo vizioso, che rischia di avvelenare la nostra vita.

La seconda lettura di oggi ci invita ad assumere la medicina giusta per guarirci da questo avvelenamento del cuore. Ci dice l’autore di questa lettera, che la tradizione attribuisce a San Paolo, di far buon uso del tempo. Ma la traduzione italiana non rende giustizia, perché, detta così, sembra una massima di buon senso, abbastanza banale. In realtà dal testo originale si potrebbe tradurre nel modo seguente: camminate non da stolti ma da saggi, riscattando il tempo opportuno. Il verbo utilizzato è quello di Gesù che con il dono della sua vita riscatta, ossia paga il prezzo del peccato e ci acquista dalla nostra schiavitù per renderci liberi. Così il tempo viene liberato dalle schiavitù e diventa tempo opportuno, nuovo e bello, per poter gustare la presenza di Dio.

Proseguendo nella terapia, l’autore entra maggiormente nei dettagli: non datevi al vino, alle dipendenze, in cui c’è la perdita di voi stessi, ma siate ripieni dello Spirito, intrattenendovi con Salmi, inni e cantici spirituali, lodando e cantando a Dio con tutto il cuore, ringraziando Dio Padre sempre per ogni cosa nel nome del signore nostro Gesù Cristo.

Tutte le cose umane e terrene, se sono prese come un rifugio consolatorio, ci fanno ammalare. Il vino è solo un simbolo, ed esprime tutto quanto ci illude di donarci la vita, ma in realtà ce la toglie. Ci illude di riempirci, in realtà nel soddisfare una pulsione finisce per renderla ancora più insoddisfatta. Più la nostra vita è povera di relazioni vere, più rischia di cadere in questa trappola, alimentata da una società consumistica, in ogni cosa: nel cibo, nell’acquisto compulsivo, nello sport, nella fruizione dei social e di internet, nella pornografia, nel gioco d’azzardo, fino ad arrivare all’alcool e alle droghe.

Non per tutti, ovviamente, la dipendenza è patologica, ma siamo tutti immersi in questo rischio, e per tutti risuona l’invito della lettera agli Efesini: non datevi al vino, ma siate ripieni dello Spirito. Ciò significa che c’è una pienezza, un’ebbrezza, che non proviene dal vino, che non stordisce ed assuefà, ma che libera e rende più acuti ed intelligenti. È una sobria ebbrezza, che si manifesta nel culto condiviso, con salmi, inni e cantici, nel nutrirci della Parola di Dio, che diventa fonte di lode e ringraziamento, fonte di una gioia e di una vita che nessuno potrà mai toglierci. Essa non ci chiude in noi stessi, ma ci apre alla comunione con Dio e con gli altri, facendoci gustare il sapore delle relazioni umane, dell’amicizia e dell’amore.

Chi mangia di me vivrà per me, come io vivo per il Padre. È una catena di relazioni attraverso cui viene trasmessa una vita nuova, che proviene dal Padre attraverso Gesù. Si tratta di un mangiare e un bere, che non riempie solo per un certo tempo, ma per sempre. È un nutrirsi della vita che viene da lui.

Non abbiamo mai tempo per pregare e facciamo fatica a trovarlo per celebrare insieme l’Eucarestia domenicale. Eppure ne perdiamo tanto di tempo! Chiediamo al Signore di riscattare il nostro tempo, di liberarlo dall’ansia e aprirlo al gusto della vita!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...